Valli del Mincio, incendio doloso in 15 ettari: è strage di giovani uccelli

 
04 June 2017

published by http://www.italiaambiente.it


Italy -  Il 2 giugno, nella notte e fino al primo pomeriggio del giorno successivo, sono andati in fumo circa 15 ettari di Riserva Naturale delle Valli del Mincio a causa di incendi dolosi. Mobilitate Squadre di vigili del fuoco, personale del servizio di vigilanza del Parco, Guardie ecologiche volontarie e un dispiego di mezzi, incluso l’elicottero del servizio antincendio boschivo della Regione che in un’ora ha effettuato 45 lanci da 500 metri cubi d’acqua ciascuno, prima di vincere i roghi. Non era mai accaduto che i promani si mettessere in azione in una stagione così avanzata: tutti gli uccelli delle Valli hanno già i giovani e il danno è incalcolabile. Il canneto infatti è la casa di moltissime specie di uccelli, fauna comune ma anche protetta: le Valli sono una riserva naturale e anche un sito comunitario di protezione per l’avifauna. Aironi rossi, Falco di palude, Svasso maggiore, gallinelle, folaghe e tutti gli anatidi (quest’anno anche il Canapiglia) e tutti i piccoli passeriformi del canneto, cigno reale: ogni specie a inizio giugno ha già i giovani e adesso, quelle famiglie non ci saranno più. Se gli adulti sono forse riusciti a fuggire, gli ornitologi sono certi che i piccoli inesperti non ce l’hanno fatta.

Solo quando la temperatura sarà scesa e si potrà effettuare una ricognizione forse si potranno trovare tracce.L’incendio è divampato vicino alla terra ferma, ha anche sfiorato un bosco e alcune abitazioni: oltre agli uccelli e stata un disastro per piccoli mammiferi come ricci e scoiattoli rossi ad esempio) e anfibi e poteva esserlo anche per l’uomo.

“A causare tutto questo – commenta il presidente del Parco del Mincio Maurizio Pellizzer – sono invece stati pochi delinquenti. Una o due persone che con un barchino hanno innescato il fuoco in più punti. Già in passato in quello stesso punto si era verificato un incendio doloso: forse quell’area sta a cuore a qualcuno, mi auguro che lo individuino e che possa rispondere del reato penale che ha commesso e del grave danno ambientale provocato: la fauna selvatica è patrimonio indisponibile dello Stato”.

La palude ha una sua vita e suoi cicli naturali, che l’uomo ha sempre aiutato a compiersi. Quando la canna veniva raccolta e si bruciavano le stoppie con il debbio, i roghi avvenivano in inverno perchè chi vive nelle Valli sa che poi spunta la nuova vegetazione e la gestione attiva dei canneti aveva consolidate regole di rispetto dell’habitat. Poi c’è stato l’abbandono dei canneti, non più coltivati e il divieto europeo alle bruciature. Ciclicamente i piromani si sono accaniti più o meno ogni anno ma mai si erano spinti a dar fuoco alla Valle a inizio giugno: “Un comportamento che dovrebbe suscitare lo sdegno di tutti i residenti” conclude Pellizzer.

English version of the news. Note: the news has been translated by Google translator.

Mincio Valleys, arson in 15 hectares: it is slaughter of young birds

On June 2, on the night and until the first afternoon of the following day, some 15 hectares of Mincio Valley Nature Reserve were smoked due to arson. Mobilitate Firefighting Teams, Park Guard Service Staff, Volunteer Ecological Guards, and Media Disposal, Including the Helicopter of the Woodland Fire Service of the Region, which in an hour carried out 45 500-cubic meter water launches Each one, before winning the robbers. It had never happened that the proms would be in action in such an advanced season: all the birds of the Valli have already the young and the damage is incalculable. Cannabis is home to many species of birds, common but also protected. Valli are a natural reserve and also a community protection site for the avifauna. Red Herons, Marshal Falcon, Big Swallow, Gallinelle, Sparrows and All Anatidas (this year also Canapilla) and all the small sparrows of cane, royal swan: every species at the beginning of June has already young and now, those families There will be no more. If adults are perhaps able to escape, ornithologists are certain that the little inexperienced people have not done so.

Only when the temperature has gone down and a reconnaissance can be traced. The fire is blown by the steep land, it has also touched a forest and some dwellings: in addition to the birds it was a disaster for small mammals such as curls and Red squirrels for example) and amphibians, and it could also be for man.

"To cause all this - said the chairman of the Parco del Mincio Maurizio Pellizzer - but were few delinquents. One or two people who with a bark gun have triggered the fire in multiple points. Already at that point there was an arson: perhaps that area is in the heart of someone, I hope that it will locate it and that it will be able to respond to the criminal offense she has committed and the serious environmental damage it has caused: wildlife is Unavailable state assets ".

The swamp has its own life and its natural cycles, which man has always helped to accomplish. When the cane was harvested and burned with stubble, the swarms took place in winter because those who live in the Valleys know that the new vegetation is ticking and the active reed canal management had established habitat compliance rules. Then there was the abandonment of reed beds, no longer cultivated, and the European ban on burns. Cyclically, the rogues grew more or less every year, but never set off to fire in the Valley at the beginning of June: "A behavior that should provoke the resentment of all residents," concludes Pellizzer.